Statistiche accessi

Sociologia delle politiche di prevenzione delle molestie pubbliche

sociologia generale

Sociologia delle politiche di prevenzione delle molestie pubbliche

SOCIOLOGIA INTERNAZIONALE
Libertà Accademica/Stalking sociale vs le minoranze

Sociologia delle politiche di prevenzione delle molestie pubbliche

di Zuleyka Zevallos1

Questo contributo fornisce un quadro per le istituzioni per iniziare a rivedere le politiche, le pratiche e le risorse esistenti in risposta alle molestie pubbliche nei confronti di accademici e ricercatori.

zuleyka zevallosDate le crescenti minacce alle persone di colore, alle donne bianche e agli accademici sottorappresentati, che si impegnano in borse di studio pubbliche sulla giustizia sociale, sono fondamentali risposte istituzionali efficaci alla sicurezza personale e online. Gli intellettuali pubblici hanno sempre affrontato la persecuzione. In alcune nazioni, gli accademici sono regolarmente presi di mira dai media e da altre istituzioni, sono minacciati dalle forze statali e imprigionati. La libertà accademica è essenziale per l'apprendimento, l'insegnamento e la pratica della ricerca, ma è anche un concetto precario che richiede una riflessione, un sostegno e un impegno critico continui. La libertà accademica è un concetto che descrive il principio per proteggere l'espressione di teorie, metodi e pratiche di ricerca senza timore di censura, sanzioni professionali e violenza. La libertà accademica sostiene il perseguimento dell'apprendimento, dell'insegnamento, della ricerca e della giustizia attraverso attività accademiche. Promuove la capacità di impostare curriculum, amministrare processi e sfidare idee senza rappresaglie. Significa il diritto di mettere in discussione le accuse di cattiva condotta e un processo equo in caso di violazione dei diritti. La libertà accademica non si estende all'intimidazione, alla discriminazione, all'abuso di autorità e potere e all'incitamento alla violenza. La libertà accademica non significa che gli accademici possano violare ragionevoli politiche istituzionali o infrangere leggi giuste ed eque.
Nelle nazioni democratiche liberali, c'è un livello maggiore di minaccia alla libertà accademica in relazione alla sicurezza personale e online per le minoranze. Ciò ha esacerbato l'iniquità a causa della rapida evoluzione della tecnologia, che facilita la diffusione di abusi voluminosi e anonimi, compreso il rilascio di informazioni personali che possono favorire lo stalking e le molestie online, nel campus e nella vita privata degli accademici. Le persone di colore, le donne bianche e altre minoranze che utilizzano i social media per educare o affrontare questioni di giustizia sociale hanno maggiori probabilità di subire molestie pubbliche. Questi gruppi sono già sottorappresentati e anche maggiormente a rischio di altre forme di discriminazione.

Responsabilità

Quando le persone perseguono minacce professionali e attacchi personali agli accademici che parlano in favore della giustizia sociale, esse sostengono che stanno proteggendo la libertà accademica, la democrazia e la libertà di parola. Dicono che tutti i discorsi, compreso il bigottismo, siano un diritto universale. Non è così. La Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo protegge la libertà dalla persecuzione, non il diritto a perseguitare.
La libertà accademica comporta delle responsabilità: gli accademici dovrebbero usare le loro conoscenze per il bene pubblico. Ciò significa che gli accademici devono affrontare le conseguenze se si abbandonano all'incitamento all'odio, come definito dal diritto internazionale: l'incitamento alla “discriminazione, ostilità o violenza." (Per il comportamento online, vedere gli articoli 16-21 del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite su razzismo, xenofobia e incitamento all'odio.)
Le persone di colore, le donne bianche e le persone con disabilità sono sottorappresentate nella scienza. Altre minoranze di genere e sessuali, così come quelle che appartengono ad altri gruppi minoritari, affrontano un contraccolpo ancora maggiore quando si pronunciano contro l'ingiustizia. La protezione degli intellettuali pubblici che si esprimono contro la discriminazione storica e l'incitamento all'odio odierno è importante perché il razzismo, il sessismo e l'omofobia sono pervasivi nel mondo accademico. L'evidenza empirica mostra che le molestie sessuali sono un'esperienza comune tra i ricercatori. L'onere di questa discussione pubblica spesso ricade sui giovani accademici. Le scienziate delle minoranze razziali sperimentano molteplici forme di discriminazione sul lavoro, così come altre minoranze di genere e sessuali, in particolare le donne omosessuali. Le minacce pubbliche sono ulteriormente aggravate per le minoranze che non sono di ruolo, il personale giovane e quelli con contratti a tempo determinato. Dato questo contesto di discriminazione, gli accademici che discutono dell'impatto negativo di colonialismo, razzismo, sessismo, omofobia, transfobia, abilismo o altre forme di disuguaglianza stanno esercitando la libertà accademica a sostegno del bene comune per tutti. La responsabilità della sicurezza va alle loro istituzioni.

Dovere di protezione

Le istituzioni traggono vantaggio dalle interviste ai media e dal lavoro sui social media da parte di accademici e ricercatori. Ciò significa che devono essere intraprese considerazioni di equità e di diversità per supportare il personale quando è assediato da abusi pubblici a causa del suo educare alla giustizia, di pubblicazioni, di apparizioni sui media e discussioni sui social media. Le politiche sui media non dovrebbero semplicemente dire agli accademici cosa dire o cosa non dire. Queste politiche devono anche mostrare chiaramente misure e processi per proteggere la sicurezza del personale e degli studenti quando le loro vite sono in pericolo.Le istituzioni hanno il dovere di prendersi cura, non solo nel campus, ma di sostenere accademici e studenti quando l'attenzione dei media porta a molestie. Questo è un problema di salute e sicurezza sul lavoro: è inaccettabile aggiungere ai problemi di salute mentale che gli accademici devono affrontare quando ricevono minacce di morte, lasciandoli soli a gestire gli abusi pubblici.
Le istituzioni non possono aspettarsi di trarre vantaggio dal fatto che gli accademici aumentino la stima istituzionale attraverso l'impegno pubblico senza prendere sul serio la loro sicurezza e il loro benessere.
Le molestie pubbliche non dovrebbero mai essere il prezzo dell'impegno accademico. Le istituzioni devono definire le politiche e dare priorità a misure preventive, revisione delle politiche, valutazione delle pratiche e maggiore sicurezza e supporto.

Come rivedere le politiche istituzionali

Di seguito sono riportate alcune considerazioni che possono aiutare le organizzazioni di istruzione superiore e di ricerca ad affrontare le molestie online e gli abusi pubblici subiti dagli accademici. I consigli forniti provengono da due decenni del mio lavoro professionale nel campo della ricerca, delle politiche sociali e della consulenza su questioni di equità e diversità. Non presenta, né fornisce, consulenza legale, ma piuttosto il seguente contributo delinea un piano per valutare l'azione istituzionale. Il consiglio può essere utile per altri contesti istituzionali, ma si rivolge in modo specifico alle università e agli enti di ricerca.
La maggior parte degli abusi legati al lavoro è rivolta agli accademici, tuttavia, gli studenti possono anche diventare bersagli se le loro attività di ricerca e istituzionali vengono messe sotto i riflettori negativi. Quali sono i limiti del dovere di protezione? Ciò dipenderà dallo stato e dal paese in cui vivi, nonché dal tuo contesto istituzionale e dal contratto. Tuttavia, questi controlli generali potrebbero essere un utile punto di partenza per i leader.

  1. Prevenzione: quali misure preventive ha adottato il tuo istituto per fermare le molestie pubbliche? L'istituzione socializza e rafforza una cultura inclusiva del posto di lavoro? Pratica una politica di abuso zero durante tutto l'anno o solo in risposta a crisi pubbliche? Le comunicazioni online vengono filtrate o monitorate alla ricerca di parole chiave o modelli offensivi? Con quale facilità i membri del pubblico possono ottenere l'accesso agli uffici della facoltà? Assumere un consulente per la sicurezza per aggiornare i processi potrebbe salvare delle vite.
  2. Politiche: esistono chiari procedimenti anti-molestie che coprano specificamente gli abusi a seguito dell'impegno pubblico degli accademici? I procedimenti forniscono chiari esempi del tipo di impegno accademico che è, e non è, coperto dalla “libertà accademica”? Indicano le conseguenze per l'attenzione pubblica che fluiscono dai social media professionali e personali? Le politiche di sicurezza dovrebbero essere preventive, piuttosto che reattive. Non ha senso aspettare che le minacce si intensifichino per pensare a quali procedure potrebbero essere seguite.
  3. Informazioni: le procedure sono facili da trovare, con tutte le informazioni rilevanti, i dettagli di contatto e la documentazione in un unico posto? Le procedure sono scritte in un linguaggio semplice? Le informazioni sono accessibili alle persone con disabilità? Esiste una traduzione nelle lingue indigene locali e per altri gruppi rilevanti? Ricorda che i singoli membri del personale hanno famiglie o persone che condividono le loro vite. Possono avere responsabilità di cura e ruoli di leadership nella comunità. Una minaccia per i docenti mette in pericolo e riguarda anche i loro cari. Il personale in difficoltà (e le persone di cui si prendono cura) non dovrebbe dover passare attraverso un legale per capire quale aiuto è disponibile.
  4. Istruzione: in che modo il personale e gli studenti vengono informati su dove trovare i procedimenti e le risorse? La sicurezza anti-molestie fa parte della preparazione del personale? Esiste una strategia di comunicazione istituzionale per la sicurezza online e le molestie? Sessioni informative regolari, stand durante la settimana di orientamento e altri eventi del campus sono un modo utile per sensibilizzare docenti e studenti sui propri diritti e responsabilità. La promozione di casi di studio sull'aiuto disponibile tramite newsletter del personale e post di blog illustra anche come funzionano le politiche a livello pratico.
  5. Supporto: quale supporto è disponibile sotto forma di consulenza e congedo personale aggiuntivo per i docenti perseguitati? Considera che per gli accademici di minoranza, probabilmente subiranno una discriminazione sistematica e saranno colpiti da eventi sociali (come la violenza della polizia nei confronti degli indigeni/neri nella società o gli attacchi alle minoranze religiose, alle persone transgender e ad altre minoranze). Tutto ciò aggraverà lo stress causato dagli abusi pubblici che il singolo personale potrebbe subire.
  6. Piano di sicurezza: quali piani di sicurezza sono in atto per gli accademici che ricevono minacce di stupro e morte? Queste forme ricorrenti di abuso sono progettate per minare il senso di benessere degli accademici e avranno un impatto sulla loro capacità di insegnare, supervisionare, svolgere attività di ricerca e altri compiti. La progettazione congiunta di un piano di sicurezza con il personale interessato è la cosa migliore, adattata alle loro responsabilità assistenziali, ai requisiti di accessibilità, ai bisogni culturali e ad altre considerazioni.
  7. Collegamento: l'università dispone di contatti ben addestrati per aiutare il personale a segnalare le minacce alla polizia e ad altre autorità all'interno e all'esterno del campus? Sono dotati di linee d'azione culturalmente rilevanti? Le persone indigene, il personale disabile, i gruppi religiosi, le minoranze razziali e culturali, le persone transgender e altre minoranze di genere potrebbero aver bisogno di assistenza specifica. Ad esempio, un operatore di supporto dello stesso sesso e/o della stessa etnia per aiutarli a superare il trauma. È probabile che sia necessario più personale di collegamento per fornire supporto specializzato a diverse forze di lavoro. Ove richiesto dal membro del personale interessato, un collegamento potrebbe anche supportare le discussioni e la negoziazione dei processi amministrativi con i dirigenti o i membri del team. Ciò può ridurre lo stress, diminuendo la necessità per un membro del personale traumatizzato di continuare a subire l'abuso da più parti.
  8. Indagine: qual è il processo per indagare sulle molestie online e sulle minacce alla sicurezza personale nel campus? Quali misure sono in atto in cui il personale è preso di mira per le sue apparizioni sui media dopo l'orario di lavoro a casa? Il dovere di protezione dovrebbe essere olistico.
  9. Risorse: quali altre risorse sono in atto, come la sicurezza aggiuntiva nel campus? Esiste un sistema di allerta per garantire che tutte le guardie di sicurezza, i senior manager e il personale pertinente siano informati delle minacce mirate?
  10. Base di prove: quali metodi di raccolta e valutazione dei dati vengono utilizzati per rivedere i modelli di abusi online e le molestie personali offline? Includere alcune domande sulle indagini esistenti sulla cultura del personale è un buon modo per raccogliere informazioni anonime che potrebbero indirizzare meglio le politiche e aiutare con la pianificazione e il budget per risolvere il problema. In alternativa, le consultazioni del personale, condotte in un ambiente sicuro di fiducia,10. possono essere un altro modo per analizzare le esperienze di molestie pubbliche, per definire meglio le politiche.
  11. Revisione: Qual è l'impatto più ampio delle molestie pubbliche nei confronti dei singoli accademici? L'istituzione comprende come funzionano le politiche di equità esistenti a livello informale? Gli accademici che discutono pubblicamente di molestie, discriminazione e disuguaglianza sono spesso invocati da altro personale e da studenti per fornire loro tutoraggio aggiuntivo. Questa è un'indicazione che le politiche e le procedure esistenti potrebbero non essere efficaci poiché gli individui stanno facendo lavoro aggiuntivo oltre il loro mandato professionale. Rivedere le responsabilità della cura pastorale e alleviare lo sforzo aggiuntivo per gli accademici danneggiati dagli abusi pubblici. Rivedere le politiche e le pratiche esistenti per garantire che i singoli docenti non siano sovraccarichi nel rispondere all'iniquità e alla diversità.
  12. Riflessione: Cosa dice l'azione istituzionale, o l'inazione, sulle molestie pubbliche ai docenti e al personale sottorappresentati? Le minoranze e le donne bianche, che sono già sottorappresentate nel mondo accademico, sono spesso percepite come modelli di ruolo, soprattutto quando hanno un profilo pubblico attraverso il patrocinio e i media del campus. Quando vengono attaccati, altri studenti e personale sottorappresentati possono temere per la propria sicurezza. L'istituzione può permettersi di allontanare non solo l'individuo colpito, ma anche altre minoranze sottorappresentate?
  13. Processo decisionale: i dirigenti senior vengono tenuti informati? Avere un punto fermo sulle minacce alla sicurezza durante le riunioni di gestione aiuta i responsabili delle decisioni a tenere d'occhio i rischi man mano che si presentano. Piuttosto che assumere un tono punitivo, i senior manager potrebbero apprezzare l'opportunità di tenersi al passo con la sicurezza e il benessere del personale. Utilizzare esperti di equità e diversità per supportare le decisioni politiche. Una task force per l'inclusione potrebbe anche fornire consulenza strategica aggiuntiva, con membri di gruppi sottorappresentati, inclusi accademici indigeni senior, anziani della comunità e lavoratori; leader migranti non anglofoni, compresi i rappresentanti musulmani (poiché l'islamofobia sta aumentando nei campus e oltre, in particolare prendendo di mira le donne); membri LGBTQIA, in particolare esperti transgender; studiosi disabili e dirigenti di spicco dell'organizzazione; e altri esperti rappresentativi.

La sicurezza del personale e degli studenti è una questione di equità e diversità. Ciò richiede pianificazione, valutazione, consultazione con il personale e gli studenti e adeguamenti nel tempo, alla luce di queste revisioni in corso. Gli specialisti di equità e diversità e altri organi di governo hanno bisogno di risorse e autonomia per agire. I leader devono impegnarsi in un processo trasparente di responsabilità sulla riduzione dell'impatto delle molestie pubbliche e sulla sicurezza.
Le istituzioni potrebbero ritenere che gli effetti riverberanti degli abusi pubblici vadano oltre la minaccia pubblica dei singoli accademici. Il danno colpisce anche le loro reti professionali. Essere proattivi sulle molestie pubbliche significa non aspettare che i problemi peggiorino, ma avere le giuste procedure in atto per supportare i docenti. Considerazioni di bilancio, consulenza legale, analisi dei dati, competenze in materia di equità e diversità e altri quadri devono essere anticipati e riesaminati nel tempo.

L’articolo originale sul magazine Other sociologist si trova all’indirizzo:
https://othersociologist.com/sociology-public-harassment-prevention-policies/

1 La dottoressa Zuleyka Zevallos – che ringraziamo per la disponibilità a farci pubblicare il suo articolo – è una sociologa applicata peruviano-australiana, che vive – come lei rispettosamente afferma – nella terra dei Gadigal, gruppo di indigeni australiani che originariamente abitava nell'area di  Sydney,  oggi denominata Marrickville. Ha un dottorato di ricerca in Sociologia e ha 20 anni di esperienza nel campo della ricerca, delle politiche e della consulenza. Attualmente lavora come ricercatore politico senior.

Ulteriori informazioni su di lei e sul suo lavoro sono sul suo sito web personale: https://zuleykazevallos.com/about/#biography

Il suo principale blog di ricerca è The Other Sociologist, dove discute di questioni di inclusione sociale (tra cui razza, genere e sessualità), nonché di come migliorare l'educazione scientifica pubblica e la sociologia applicata.

Write your comment Here